Associazione Italiana Mastocitosi ONLUS

 

Firenze 11/11/2010:"Mastocitosi:approccio multidisciplinare"

La convention di Firenze apre con la presentazione della stessa, con l'introduzione del dr. Alberto Bosi e del dr. Oliviero Rossi.
questi illustrano l'importanza del convegno ai fini informativi.
Dopo il saluto di queste autorita' leggo il nostro discorso, tra l'altro molto applaudito, che riporto di seguito.
Tutti i medici che hanno fatto il loro intervento al convegno hanno presentato la malattia in maniera semplice ed esplicita: durante le pause sono stato piacevolmente contattato dai medici che chiedevano informazioni sulla nostra associazione, ricevendo altri inviti per convention prossime venture.
Tutti i medici si sono poi impegnati ad avere un rapporto piu' diretto e frequente con la nostra associazione.

La seconda parte della giornata si e' svolta lasciando la parola agli ematologi che stanno valutando e sperimentando nuove molecole per la cura della mastocitosi piu' aggressiva e imparando a dosare i farmaci piu' noti come il dasatinib e l'imatinib, cercando sempre di valutare gli effetti collaterali che purtroppo quetsi farmaci creano.
Il numero di pazienti trattati comunque e' ancora abbastanza esiguo e l'esperienza da fare e' ancora molta: si stanno comunque facendo passi avanti.

L'ospedale San Giovanni di Dio di Firenze riesce gia' a far concertare tutti gli specialisti per dare al malato di mastocitosi una buona assistenza, cosa che ci auguriamo tutti si possa fare anche negli ospedali che fanno parte della Rima, e non solo.
Uno degli ultimi interventi e' stato quello del dr. Pimpinelli, dermatologo, che ha introdotto la nuova terapia con la lampada a raggi UV1, aspettandosi buoni risultati, migliori del puva, che inoltre non richiede l'assunzione di pastiglie foto sensibilizzanti: queste nuove terapie vanno sempre valutate al meglio senza dimenticarsi gli effetti indesiderati.

In chiusura ha parlato la dr.sa Merante presentando i dati di un anno e mezzo di attività del registro italiano della mastocitosi, (che ricordiamo realizzato grazie alla nostra associazione) facendo dell'asimas un punto di riferimento irrinunciabile e determinante per raggiungere lo scopo fondamentale di far riconoscere la malattia ed inserita tar le malattie rare del s.s.n.

Ricordiamo che il convegno è stato patrocinato dalla nostra associazione che si prenderà cura anche del prossimo convegno nazionale sulla sulla mastocitosi che si terrà la prossima primavera: è di importanza fondamentale che si organizzino eventi di questa natura e di questa portata con le presenze dei più importanti studiosi della nostra malattia, in modo sia da poter divulgare alla comunità scientifica i risultati della ricerca che di informare i malati che aspettono ansiosamente qualche nuova cura.

... malati che, grazie all'impegno di tutti, possano continuare a sperare.